vitamina b1

Idrosolubile, è la vitamina dell’umore, del morale, della capacità intellettiva, dell’energia.
Dell’energia perché di supporto all’enzima responsabile dell’ossidazione dei carboidrati che necessita di un
collaboratore per trasformarli in energia.
Il tessuto nervoso è il primo a risentire la carenza di vitamina B1.
E’ conosciuta come la vitamina che combatte il Beri-beri, che è in pratica una polineurite.

Effetti da carenza e sintomi
La carenza comune di tiamina era sino a poco tempo fa un’evenienza abbastanza rara. I
casi sono però in crescita….

INTRODUZIONE

Idrosolubile, è la vitamina dell’umore, del morale, della capacità intellettiva, dell’energia.
Dell’energia perché di supporto all’enzima responsabile dell’ossidazione dei carboidrati che necessita di un
collaboratore per trasformarli in energia.

Il tessuto nervoso è il primo a risentire la carenza di vitamina B1.

E’ conosciuta come la vitamina che combatte il Beri-beri, che è in pratica una polineurite.
Le dosi minime consigliate dalla RDA servono ad evitare il Beri-beri come malattia conclamata, ma esiste sempre in
forma subclinica, che purtroppo non viene riconosciuta in tante depressioni che però (guarda caso) migliorano fino a
scomparire con la B1.

Chi mangia solo cereali raffinati, può andare incontro a carenza di B1.

La B1 risiede nel germe e nella corteccia e la cottura e la lavorazione industriali la distruggono, oltre all’alcol. E’ utile
in gravidanza e nell’allattamento (la depressione post-partum finisce in pochi giorni con 1 grammo di B1 giornaliero).

Gli anziani, forse per difficoltà di assorbimento, necessitano di più B1: forse per questo, la depressione degli anziani
oggi sembra diventata una condizione generalizzata.

Altro campo d’azione della B1 è l’alcolismo, in quanto ci si accorse che la morte degli alcolisti era uguale a quella
provocata dal beri-beri. Integrando la dieta con 200 mg di B1 per due volte al giorno, si notò un tale cambiamento da
poter dire di aver salvato loro la vita. Ci sono molte persone che pur non essendo alcolisti, non riescono a rinunciare
all’alcol, anche fra i giovani: un po’ di B1 li può certamente aiutare. Inoltre disintossica anche dal piombo.

Essendo idrosolubile, non esiste il rischio di un sovradosaggio, purché l’integrazione venga adeguatamente supportata dalle altre vitamine del complesso B. Già 10 minuti dopo l’assunzione è attiva; viene tuttavia eliminata in 6-8 ore.

Certi caratteri “pestiferi” dei bambini derivano da un’alimentazione stretta di latte in polvere e cereali raffinati:
miracolosamente la B1 risolve anche questo tipo di “problema”.

Alte dosi di B1 hanno sistemato: irritabilità , memoria difettosa, scarsa concentrazione, stanchezza, instabilità emotiva, disturbi digestivi, stipsi, problemi cardiocircolatori, bruciori e formicolii ai piedi. Questi sono i primi sintomi che segnalano la sua carenza, in particolare stanchezza e irritabilità.

La dott.ssa Harrel del Dipartimento di Psicologia e Pedagogia della Columbia University dice “La vivacità mentale
significa stabilità emotiva, serenità e gusto per la vita. Per averli stabili meritiamo un po’ di B1”.
E’ altresì importante per un cuore normale: il rallentamento dei battiti (cuore ingrossato) rispondono positivamente
all’assunzione di B1.

VITAMINA B1 (TIAMINA)

Descrizione

La tiamina, o vitamina B1, è una vitamina idrosolubile di origine sia animale che
vegetale, che si comporta come un coenzima partecipando al complesso processo di
conversione del glucosio (lo zucchero del sangue) in energia, ed è vitale in alcune reazioni
metaboliche. Ecco perché la tiamina è necessaria quando c’è un alto consumo di energia, come
per esempio quando si pratica uno sport. La tiamina si adatta ai bisogni del corpo, a condizione
che venga consumata una quantità sufficiente di alimenti che la contengono. Tra le funzioni
della tiamina ricordiamo la protezione del cuore e del sistema nervoso e la formazione e il
mantenimento dei globuli rossi.

La tiamina è presente in quantità limitata in quasi tutti gli alimenti e in grandi quantità
solo in alcuni come il maiale e le interiora. Il pane e i cereali dovrebbero essere consumati
integrali o vitaminizzati, perché la tiamina è contenuta nel germe e nella crusca del grano,
nella pula del riso e in quella parte di tutti i cereali che viene eliminata durante la macinazione
per dar loro un colore più chiaro e una consistenza più fine. Una dieta ricca di lievito di birra,
germe di grano, melassa e crusca, procurerà all’organismo sufficiente tiamina e aiuterà a
prevenire l’accumulo di depositi grassi nelle pareti delle arterie (vedi la tabella sulla
composizione degli alimenti).

Conosciuta anche come “vitamina del morale” per la sua relazione con un sistema nervoso
sano e per la sua azione benefica sull’attitudine mentale; la tiamina è in rapporto anche con la
capacità di apprendimento individuale. E’ necessaria per la crescita dei bambini e per il
miglioramento del tono muscolare dello stomaco, dell’intestino e del cuore. La tiamina è
essenziale per stabilizzare l’appetito perché migliora l’assimilazione dei cibi durante la
digestione, particolarmente di amidi, zuccheri ed alcool.

Assorbimento ed immagazzinamento

La tiamina viene rapidamente assorbita nella parte inferiore e superiore dell’intestino
tenue. Viene portata dal sistema circolatorio al fegato, ai reni e al cuore, dove si può
combinare ulteriormente col manganese e con specifiche proteine per divenire un enzima
attivo. Questi sono gli enzimi che scindono i carboidrati in zuccheri semplici.
La tiamina non viene immagazzinata nell’organismo in grandi quantità e deve essere quindi
rifornita giornalmente. Essa viene eliminata attraverso le urine in rapporto alla quantità
assunta e immagazzinata. Poiché la quantità di tiamina immagazzinata nell’organismo non è
molto grande, i tessuti del corpo si deteriorano rapidamente quando se ne presenta una
carenza. La tiamina viene distrutta dall’alcool. L’alcool interferisce con l’assorbimento di tutte
le sostanze nutritive, ma specialmente della vitamina B1 e B2.
L’assunzione di quantità eccessive di zucchero e il fumo di sigaretta causano un
impoverimento di tiamina. La tiamina è vulnerabile al calore, all’aria e alla cottura in acqua. La
tiamina può essere distrutta da un enzima presente nelle vongole crude, nelle ostriche e nel
pesce crudo; tuttavia i frutti di mare sono una buona fonte di tiamina. Altre fonti sono i
prodotti a base di cereali integrali, il riso integrale e i fagioli. La tiamina è presente in una
grande quantità di alimenti (vedi la tabella sulla composizione degli alimenti).

Dosaggio e tossicità

Il fabbisogno individuale di tiamina viene determinato dal peso corporeo, dalla quantità
di questa vitamina sintetizzata nel tratto intestinale e dall’assunzione calorica giornaliera. Il
fabbisogno di tiamina è proporzionale all’energia bruciata, non a quella assunta. Quando
l’assunzione calorica aumenta, soprattutto quella dei carboidrati, anche la proporzione di
tiamina deve aumentare. Le persone che digiunano, o che seguono una dieta a basso
contenuto calorico devono assumere la stessa quantità di tiamina che assumerebbero con
un’alimentazione corrispondente ai loro fabbisogni.

La quantità consigliata per i ragazzi dagli

  • 11 ai 14 anni è di 1,3 mg,
  • dai 15 ai 50 è di 1,5 mg,
  • e dai 51 in su è di 1,2 mg.

Per le donne invece,

  • dagli 11 ai 50 anni è di 1,1 mg
  • e dai 51 in su è di 1,2 mg;
  • le gestanti e le donne che
    allattano dovrebbero assumere altri 0,4 mg.
  • I bambini da 1 a 3 anni hanno un fabbisogno di
    0,7 mg, dai 4 ai 6 anni di 0,9 mg,
  • e dai 7 ai 10 anni di 1,0 mg.
  • I neonati sino a sei mesi hanno
  • un fabbisogno di 0,3 mg e dai 6 mesi
  • a un anno di 0,4 mg. Gli alcolisti dovrebbero assumere
    dai 10 ai 100 mg di tiamina al giorno.

L’intossicazione acuta da alcool dovrebbe essere curata
con iniezioni di 100 a 250 mg di tiamina prima della somministrazione del glucosio. La
somministrazione del glucosio senza la tiamina può causare la sindrome di Wernicke-Korsakoff
o peggiorare sintomi preesistenti.

E’ noto che le persone anziane usano la tiamina meno efficientemente; perciò, una
maggiore assunzione, insieme alle altre vitamine del complesso B, può essere vantaggiosa. Il
bisogno di ulteriore vitamina B1 aumenta nelle forme di diarrea grave, febbre, stress e
interventi chirurgici. Non vi sono effetti tossici conosciuti in rapporto alla tiamina, benché
grosse dosi possono portare a squilibri del complesso B.

Effetti da carenza e sintomi

La carenza comune di tiamina era sino a poco tempo fa un’evenienza abbastanza rara. I
casi sono però in crescita a causa dell’aumento delle persone senza casa e malnutrite. La
carenza è abbastanza comune nelle persone che ricavano la maggior parte dell’energia da
zucchero o alcool. Gli individui adulti sono più esposti ad una carenza di questa sostanza per la
presenza di forti bevitori in quella fascia di età. I sintomi dell’intossicazione e quelli della
carenza sono abbastanza simili; andatura traballante, occhi appannati, perdita di coordinazione
e confusione.
Una leggera carenza di tiamina è difficile da diagnosticare e facilmente attribuita ad altri
problemi.

I primi segni comprendono affaticamento precoce, perdita di appetito, irritabilità,
instabilità emotiva (comportamento asociale e aggressivo) e difficoltà di concentrazione. I
sintomi di una carenza media cronica sono allucinazioni uditive di vario tipo e incubi, mentre la
carenza più grave può portare alla psicosi. Una carenza di tiamina rende difficile la digestione
dei carboidrati e lascia troppo acido piruvico nel sangue. Ciò causa una carenza di ossigeno che
provoca perdita di vigilanza mentale, respirazione affaticata e danni cardiaci. Se questa
carenza non viene eliminata, si manifestano confusione e perdita di memoria (gli esperti
studiano la relazione col morbo di Alzheimer) seguiti in breve tempo da disturbi gastrici, dolori
addominali e stitichezza. Possono manifestarsi anche formicolii agli arti inferiori, disturbi delle
fibre nervose sensitive e infiammazione del muscolo del polpaccio. Una carenza può anche
provocare l’infiammazione del nervo ottico. In mancanza di tiamina, la funzione del sistema
nervoso centrale, che dipende dal glucosio per l’energia, si deteriora.

La carenza di tiamina può bloccare il metabolismo del collagene, direttamente collegato
al processo di cicatrizzazione. I risultati di studi effettuati sugli animali hanno mostrato che la
cicatrizzazione era molto più lenta nelle cavie carenti di tiamina rispetto a quelle che avevano
livelli normali. Una carenza di tiamina può portare disturbi del coordinamento e del tempo di
reazione del corpo, del coordinamento tra gli occhi e le mani, della velocità motoria e della
fermezza delle mani. Insorgono irregolarità cardiache perché la carenza colpisce anche il
sistema cardiovascolare. I muscoli del cuore possono indebolirsi e può verificarsi uno
scompenso cardiaco. Senza dosi adeguate di tiamina, possono manifestarsi aritmie, mancanza
di respiro, sudorazione dei piedi e delle gambe, ipotensione, dolori al torace e all’addome,
insufficienza renale, insufficienza cardiaca, sino alla morte.

La carenza di tiamina può ostacolare il funzionamento della tiroide in modo irreversibile. Possono verificarsi anche
anoressia (perdita dell’appetito) e atonia gastrica (perdita del tono muscolare dello stomaco).
Alcuni ricercatori ritengono che una carenza di tiamina possa essere il primo anello di una
catena che porta, attraverso il fegato e gli ormoni femminili, al cancro dell’utero.

La carenza di tiamina nel corso della disintossicazione dall’alcool, può causare la
paralisi. E’ risaputo che la caffeina presente nel caffè distrugge la tiamina. La parte della
popolazione più colpita da questa carenza sono i senza casa, le persone malnutrite e quelle che
fanno digiuni e diete a basso contenuto calorico.

Effetti benefici nelle malattie

La tiamina è usata nel trattamento del beri-beri, una malattia da carenza che viene
associata alla denutrizione. L’assunzione di tiamina aiuta l’eliminazione dei fluidi immagazzinati
dall’organismo, riduce la frequenza cardiaca accelerata, permette a cuori ingrossati di tornare
alle dimensioni originarie e normalizza gli elettrocardiogrammi.
Gli elementi nutritivi come la tiamina e la niacina sono stati usati insieme per trattare pazienti
affetti da sclerosi multipla. Il dott. George Schumacher ci informa che ha somministrato
tiamina idroclorica per via intraspinale a due pazienti con sclerosi multipla, i quali hanno
manifestato un netto miglioramento. Il dott. Fredrik Klenner ha usato forti dosi (100
milligrammi) di B1, B3 e B6 con notevole successo. La tiamina è stata usata in combinazione
con il glucosio e l’acqua nel trattamento di pazienti in stato di incoscienza, soprattutto gli
alcolisti.
L’etilismo è stato trattato con successo con la tiamina: i sintomi sono simili a quelli del
beri-beri, inclusi confusione mentale, disturbi della vista e paralisi del muscolo oculare. Cade
(1972) afferma che gli etilisti ammessi nel suo ospedale vengono comunemente trattati con
complessi multivitaminici contenenti almeno 200 mg di tiamina. Essi ne possono aver bisogno
anche due volte al giorno. Nonostante un grosso incremento di ricoveri per alcolismo
nell’ospedale, vi è stato un notevole miglioramento, tanto che i casi di morte si sono ridotti a
zero. Negli anni 1945-50, prima dell’uso di trattamenti con tiamina, ottantasei pazienti
morirono per complicazioni da etilismo. Negli anni 1956-60, morirono otto persone, ma nessun
caso di morte si è avuto dal 1966 a oggi. Cade concluse che ‘poiché il modo di morire era
identico a quello del beri-beri, poiché la carenza di tiamina è stata trovata in significative
proporzioni di etilisti gravi e poiché non vi erano stati altri significativi cambiamenti nella
terapia che potessero sembrare responsabili di ciò, la tiamina è l’agente terapeutico che ha
letteralmente salvato la vita a una significativa parte di pazienti. Perciò è dimostrato che la
tiamina (vitamina B1) ha salvato vite tra gli etilisti.”
Molte altre malattie, tra le quali il diabete, hanno beneficiato della somministrazione di
tiamina. Essa è essenziale per la produzione di acido cloridrico, che aiuta la digestione. Aiuta
ad eliminare la nausea, specialmente quella causata da mal di mare e mal d’aria. Allevia la
fatica migliorando così la disposizione. Ha anche migliorato il tono muscolare dello stomaco e
degli intestini e ciò procura sollievo dalla stitichezza.
La tiamina in dosaggi alti ha dato buoni risultati nel trattamento di forme di anemia che
rispondono a tale sostanza. La tiamina ha un ruolo protettivo nel caso di avvelenamenti da
piombo e sindrome della morte in culla. L’abilità mentale e il quoziente intellettivo sono stati
migliorati con l’assunzione di tiamina. La tiamina favorisce l’attivazione dei neutrofili, che
aiutano il sistema immunitario a combattere i batteri. La tiamina aiuta anche la muscolatura
liscia e quella scheletrica, mentre non svolge un ruolo attivo nei confronti della muscolatura
toccata dalla sclerosi multipla, dalla paralisi di Bell, dalla miastenia grave, e dalla sindrome di
Ménière.
I dentisti hanno riscontrato utile per il dolore dentario post-operatorio la
somministrazione di tiamina. Il dolore può essere spesso evitato con la somministrazione di B1
al paziente prima dell’operazione. Una terapia a base di tiamina ha ridotto i tempi di
rimarginazione degli alveoli dentari asciutti. Le prove dimostrano che il suo utilizzo per nervi
feriti e malati non solo ristabilisce un funzionamento idoneo, ma allevia anche il dolore. Le
persone che attirano gli insetti, possono provare ad assumere 100 mg al giorno, perché il
sudore che contiene tiamina, li respinge.

Ricerche eseguite su esseri umani

1. La vitamina B1 e il morale. Per molti anni Horwitt e i suoi collaboratori hanno
studiato gli effetti psicologici della carenza di tiamina su pazienti psichiatrici
ricoverati. I soggetti ricevettero quantità variabili di tiamina attraverso una dieta
adeguata. Essi vennero analizzati per vari effetti da carenza.
Risultati. La somministrazione di circa 0,4 milligrammi di tiamina ha migliorato
delle condizioni specifiche, che comprendevano perdita di controllo emozionale
inibitorio, caratteristiche maniaco-depressive e stato confusionale. (M. K. Horwitt
et al., “Investigations of Human Requirements of B-Complex Vitamins,” National
Research Council Bull. 116, 1948.)
2. Vitamina B1 ed herpes zoster. A venticinque pazienti vennero somministrati
200 milligrammi di tiamina idroclorica per via intramuscolare al giorno.
Risultati. L’herpes zoster, un persistente, doloroso raggruppamento di piccole
vesciche, è stato trattato con successo. (A. L. Oriz, Medical World, Novembre
1958)
3. Vitamina B1 e capacità mentale. Il dott. Ruth Flinn Harrel ha condotto un
esperimento su 104 persone di età compresa tra 9 e 19 anni. Metà di essi
presero una pillola di vitamina B1 ogni giorno, l’altra metà un placebo.
L’esperimento durò sei settimane.
Risultati. Da una serie di esami è risultato che il gruppo a cui è stata
somministrata la vitamina ha guadagnato un quarto in più nella capacità di
apprendimento rispetto all’altro gruppo. (dott. Ruth Flinn Harrel, “Effect of
Added Thiamine on Learning,” in Rodale and Staff, The Health Seeker, pagg. 18,
19.)

LA VITAMINA B1 PUO’ ESSERE EFFICACE NELLA CURA DELLE SEGUENTI MALATTIE:

Organi Malattie
Apparato intestinale Diarrea
Stitichezza
Vermi
Cervello/sistema nervoso Abilità mentale
Confusione mentale
Etilismo
Malattie mentali
Neurite
Paralisi di Bell
Quoziente intellettivo
Sclerosi multipla
Cuore Insufficienza cardiaca congestizia
Denti Dolori ai denti
Gambe Crampi alle gambe
Occhio Ambliopia
Cecità notturna
Pelle Herpes zoster
Polmoni/apparato respiratorio Influenza
Organi Malattia
Testa Cefalea
Febbre
Sangue/apparato circolatorio Anemia
Diabete
Stomaco Dispepsia
Generale Affaticamento
Avvelenamento da piombo
Beri-beri
Etilismo
Miastenia grave
Pellagra
Predisposizione alle
Punture di insetti
Sindrome della morte in culla
Stress

scarica download pdf

Fai conoscere il Blog!
2 pensiero su “Vitamina B1 ”

Lascia un commento