LE PIANTE MEDICINALI DELLA FORESTA PLUVIALE

Il testo seguente è stato preso da: Il potere curativo delle erbe della foresta pluviale © 2005 di Leslie Taylor.

Ps.. la traduzione è stata fatta dal originale inglese con traduttore automatico ho cercato di trovare e correggere alcune parti mal tradotte… Potete sempre andare al originale Inglese. *

amuna foto pianta

Anamu

Petiveria alliacea

anamu

Sinonimi: Mapa graveolens, P. corrientina, P. foetida, P. graveolens, P. hexandria, P. paraguayensis

Nomi comuni: Anamu, apacin, apacina, apazote de zorro, aposin, ave, aveterinaryte, calauchin, chasser vermine, congo root, douvant-douvant, emeruaiuma, garlic weed, guinea henweed, guine, guinea, guinea hen leaf, gully root, herbe aux poules, hierba de las gallinitas, huevo de gato, radice di kojo, kuan, kudjuruk, lemtewei, lemuru, mal pouri, mapurit, mapurite, mucura-caa, mucura, mucuracaa, ocano, payche, pipi, tipi, verbena hedionda, verveine puante, zorrillo

Parte utilizzata: erba intera

AZIONI PRINCIPALI
riduce il dolore
uccide i batteri
uccide le cellule tumorali
uccide i funghi
riduce l’infiammazione
uccide le cellule leucemiche
riduce i radicali liberi
previene i tumori
uccide i virus
uccide Candida
aumenta la minzione
migliora l’immunità

ALTRE AZIONI
riduce gli spasmi
riduce l’ansia
riduce la febbre
abbassa la glicemia
uccide gli insetti
favorisce le mestruazioni
sedativi
aumenta la traspirazione
espelle i vermi

Anamu è una pianta erbacea perenne che cresce fino a 1 m di altezza. È originario della foresta pluviale amazzonica e delle aree tropicali dell’America centrale e meridionale, dei Caraibi e dell’Africa. Produce foglie coriacee verde scuro che giacciono vicino al suolo e alte spighe fiancheggiate da piccoli fiori bianchi che fluttuano ariosi sopra le foglie. A volte viene chiamata “erba d’aglio”, poiché la pianta, e specialmente le radici, hanno un forte odore di aglio. Si chiama mucura nell’Amazzonia peruviana, anamu o tipi in Brasile e guine in altre parti dell’America Latina.

Usi della medicina tribale e delle erbe

Nella foresta pluviale amazzonica, l’anamu viene utilizzato come parte di un bagno alle erbe contro la stregoneria dagli indiani e dai guaritori di erbe della giungla locale chiamati curanderos . Gli indiani Ka’apor lo chiamano mikur-ka’a(che significa erba di opossum) e usalo sia per la medicina che per la magia. I caribi in Guatemala schiacciano la radice e la inalano per la sinusite, e gli indiani Ese’Ejas nell’Amazzonia peruviana preparano un infuso di foglie per il raffreddore e l’influenza. Gli indigeni Garifuna in Nicaragua impiegano anche un infuso o decotto di foglie per raffreddori, tosse, dolori e dolori, nonché per rituali magici. Si pensa che la radice sia più potente delle foglie. È considerato un antidolorifico ed è spesso usato nella foresta pluviale nei rimedi topici per la pelle. Altri gruppi indigeni indiani battono le foglie in una pasta e la usano esternamente per mal di testa, dolori reumatici e altri tipi di dolore. Questo stesso rimedio della giungla è anche usato come insetticida.

Anamu ha una lunga storia nella medicina erboristica in tutti i paesi tropicali in cui cresce. Nella fitoterapia brasiliana, è considerato un antispasmodico, diuretico, promotore mestruale, stimolante e promotore del sudore. Gli erboristi e i professionisti della salute naturale usano l’anamu per l’edema, l’artrite, la malaria, i reumatismi e la scarsa memoria e come analgesico topico e antinfiammatorio per le affezioni della pelle. In tutta l’America centrale, le donne usano l’anamu per alleviare i dolori del parto e facilitare il parto, nonché per indurre l’aborto. Nella fitoterapia guatemalteca la pianta si chiama apacine un decotto di foglie viene preso internamente per disturbi digestivi e digestione lenta, flatulenza e febbre. Un decotto di foglie viene utilizzato anche esternamente come analgesico per dolori muscolari e per malattie della pelle. Anamu è comunemente usato nelle grandi città e cittadine del Sud e Centro America come rimedio naturale per curare raffreddori, tosse, influenza, infezioni respiratorie e polmonari e cancro e per supportare il sistema immunitario. A Cuba, gli erboristi decottono l’intera pianta e la usano per curare il cancro e il diabete, e come antinfiammatorio e abortivo.

Prodotti e principi Attivi Anamu

Nell’anamu sono stati scoperti molti composti biologicamente attivi, inclusi flavonoidi, triterpeni, steroidi e composti solforati. Anamu contiene uno specifico composto di zolfo chiamato dibenzil trisolfuro. In un programma di screening delle piante presso

l’Università dell’Illinois a Chicago che ha valutato più di 1400 estratti di piante come nuove terapie per la prevenzione e il trattamento del cancro, l’anamu era una delle 34 piante identificate con proprietà attive contro il cancro.
 I ricercatori hanno riferito che il dibenzil trisolfuro era uno dei due composti attivi in ​​anamu con azioni antitumorali. Anamu contiene anche le sostanze fitochimiche astilbina, benzaldeide e cumarina, tutte e tre le quali sono state documentate con proprietà antitumorali e/o anticancerogene.

Le principali sostanze chimiche presenti nell’anamu includono 6-C-formil e 6-C-idrossimetil flavanoni, allantoina, asarone, astilbina, acido barbinervico, benzaldeide, benzilidrossitrisolfuro, calamenene, carvacrolo, cumarina, daucosterolo, dibenzil solfuro, dibenzil trisolfuro, ditinidrokampquel engeletina, friedelinol, ilexgenina A, leridal, leridol, acido lignocerico, acido linoleico, miricitrina, miricetina, acido nonadecanoico, acido oleico, acido palmitico, fenilmetano S-ossido, petiveral, fitolo, pinitolo, prolina, S-benzinel-l-cisto solfossido, S-2-idrossietil-l-cisteina solfossido, sitosterolo, acido stearico, cis- e trans-stilbene, trans-N-metil-4- metossiprolina e tritiolaniacina.

Attività Biologiche e Ricerca Clinica

La ricerca pubblicata su anamu (e sulle sostanze chimiche vegetali sopra descritte) rivela che ha un’ampia gamma di proprietà terapeutiche, tra cui attività antileucemiche, antitumorali e antitumorali contro diversi tipi di cellule tumorali. In un in vitrostudio condotto da ricercatori italiani nel 1990, estratti acquosi ed estratti etanolici di anamu hanno ritardato la crescita delle cellule leucemiche e di molti altri ceppi di cellule tumorali cancerose. Tre anni dopo, i ricercatori hanno proseguito con un altro studio, che ha dimostrato che gli stessi estratti avevano un effetto citotossico, uccidendo effettivamente alcune di queste cellule cancerose, piuttosto che limitarne la crescita. Questo studio ha indicato che gli estratti di acqua di erbe intere di anamu erano tossici per le cellule tumorali della leucemia e del linfoma, ma inibivano solo la crescita delle cellule del cancro al seno. Più recentemente, uno studio pubblicato nel 2002 ha documentato un effetto tossico in vitro contro una linea cellulare di cancro al fegato; un altro in vitrostudio nel 2001 ha riportato che anamu ha ritardato la crescita delle cellule del cancro al cervello. Uno studio tedesco che documenta l’attività dell’anamu contro le cellule del cancro al cervello ha messo in relazione le sue azioni con i composti solforati presenti nella pianta.

Oltre alle sue proprietà antitumorali documentate, è stato anche scoperto che anamu in studi in vivo e in vitro è un immunostimolante. In uno studio del 1993 sui topi, un estratto acquoso ha stimolato la produzione di cellule immunitarie (linfociti e interleuchina II). Nello stesso anno, un altro studio sui topi ha dimostrato che un estratto di anamu ha aumentato l’attività delle cellule natural killer del 100% e ha stimolato la produzione di ancora più tipi di cellule immunitarie (interferone, interleuchina II e interleuchina 4). Ulteriori ricerche dal 1997 al 2001 hanno ulteriormente confermato le azioni immunostimolanti di anamu negli esseri umani e negli animali.

L’uso tradizionale di Anamu come rimedio per l’artrite e i reumatismi è stato convalidato dalla ricerca clinica che conferma le sue proprietà antidolorifiche e antinfiammatorie. Un gruppo di ricerca in Svezia ha riferito che anamu possiede azioni inibitorie della cicloossigenasi-1 (COX-1). Gli inibitori della COX-1 sono una nuova (e altamente redditizia) classe di farmaci per l’artrite venduti oggi dalle aziende farmaceutiche. Un altro gruppo di ricerca in Brasile ha documentato effetti antinfiammatori significativi nei ratti utilizzando vari modelli e i ricercatori nel 2002 hanno notato un significativo effetto antidolorifico nei ratti. Gli effetti antidolorifici e antinfiammatori sono stati verificati anche quando un estratto di etanolo è stato applicato localmente nei ratti, confermando ancora una volta l’uso tradizionale.

Molti rapporti e studi clinici documentano che anamu mostra proprietà antimicrobiche ad ampio spettro contro numerosi ceppi di batteri, virus, funghi e lieviti. In uno studio del 2002, gli estratti di anamu hanno inibito la replicazione del virus della diarrea bovina; questo è un modello di test per il virus dell’epatite C. Un gruppo di ricerca cubano ha documentato le proprietà antimicrobiche dell’anamu in vitro contro numerosi agenti patogeni, tra cui Escherichia coli, Staphylococcus, Pseudomonas e Shigella e, cosa abbastanza interessante, i loro estratti di acqua grezza hanno funzionato meglio di qualsiasi estratto alcolico. Un gruppo tedesco ha documentato una buona attività contro diversi batteri, Mycobacterium tuberculosis , diversi ceppi di funghi e CandidaLe proprietà antimicotiche di Anamu sono state documentate da un gruppo di ricerca nel 1991 e di nuovo da un gruppo di ricerca separato nel 2001. La sua attività antimicrobica è stata ulteriormente dimostrata da ricercatori del Guatemala e dell’Austria che, in studi separati nel 1998, hanno confermato la sua attività in vitro e in vivo studi contro diversi ceppi di protozoi, batteri e funghi.

Sebbene l’anamu non sia stato ampiamente utilizzato per il diabete, è stato clinicamente documentato che ha azioni ipoglicemizzanti. I ricercatori nel 1990 hanno dimostrato l’effetto ipoglicemizzante in vivo di anamu, dimostrando che anamu ha ridotto i livelli di zucchero nel sangue di oltre il 60% un’ora dopo la somministrazione ai topi. Questa scoperta riflette la pratica della medicina erboristica a Cuba, dove l’anamu è stato usato per molti anni come aiuto erboristico per il diabete.

Recenti ricerche confermano anche che l’anamu è un ottimo esempio di pianta medicinale che può avere azioni molto diverse a seconda di quale parte della pianta viene utilizzata e del motivo per cui i consumatori dovrebbero essere consapevoli di quale parte della pianta viene commercializzata e venduta. Ricercatori universitari brasiliani hanno riferito di aver riconfermato l’azione stimolante dell’anamu sull’attività locomotoria e hanno anche riferito che un estratto alcolico dell’intera pianta ha dimostrato azioni antidepressive, di miglioramento della memoria, anti-ansia e antiossidanti nel loro studio con i ratti nel 2012. Altro ricercatori universitari in Brasile avevano precedentemente riferito nel 2010 che anamu ha avuto un effetto sull’ansia anche nei loro studi con i topi. È interessante notare che un estratto della pianta fresca intera ha evidenziato azioni anti-ansia, ma un estratto delle sole parti aeree aumentava l’ansia, e un estratto di radice non aveva alcuna attività. Hanno notato che il contenuto di flavonoidi dei tre estratti variava ampiamente, ma non potevano attribuire gli effetti sull’ansia a questo gruppo di sostanze chimiche attive. Precedentemente nel 2008, una ricerca condotta da una terza università brasiliana ha riportato che la radice di anamu diminuiva l’attività locomotoria (aveva un effetto sedativo) con azioni dirette nel sistema nervoso centrale dimostrando significative azioni depressive e anticonvulsivanti.

L’Istituto nazionale per la ricerca e lo sviluppo farmaceutico in Nigeria ha avviato un programma di screening nel 2011 per studiare i rimedi erboristici locali per l’anemia falciforme (una malattia prevalente in quel paese). Anamu è stata segnalata come una delle prime tre piante medicinali identificate con azioni anti-falce nel loro studio pubblicato nel 2012. In un altro programma di screening, ricercatori tedeschi che hanno selezionato piante tradizionalmente utilizzate per la guarigione delle ferite nel 2009 hanno riferito che l’anamu si è rivelata una delle tre delle piante più attive che hanno testato. Scienziati in Messico hanno riferito che l’anamu potrebbe essere un eccellente agente per uccidere le zecche sui bovini. Un estratto di metanolo della foglia e del gambo di anamu ha dimostrato di avere il 100% di mortalità contro le zecche nella loro ricerca pubblicata nel 2010. Nel 2008, Ricercatori giapponesi hanno scoperto un nuovo derivato chimico nell’anamu e hanno riferito che possiede azioni antiossidanti. Ricercatori universitari negli Stati Uniti hanno riportato le azioni antimicrobiche di anamu nel 2006 e hanno riferito che il dibenzil trisolfuro e altre sostanze chimiche contenenti benzile nella pianta avevano le azioni più forti contro il maggior numero di batteri e funghi. I ricercatori brasiliani che avevano precedentemente riportato l’azione antidolorifica e antinfiammatoria di anamu nel 2002 hanno pubblicato un altro studio nel 2005 riportando che un estratto di radice di anamu aveva anche azioni antidolorifiche. s azioni antimicrobiche nel 2006 e ha riferito che il dibenzil trisolfuro e altre sostanze chimiche contenenti benzile nella pianta avevano le azioni più forti contro il maggior numero di batteri e funghi. I ricercatori brasiliani che avevano precedentemente riportato l’azione antidolorifica e antinfiammatoria di anamu nel 2002 hanno pubblicato un altro studio nel 2005 riportando che un estratto di radice di anamu aveva anche azioni antidolorifiche. s azioni antimicrobiche nel 2006 e ha riferito che il dibenzil trisolfuro e altre sostanze chimiche contenenti benzile nella pianta avevano le azioni più forti contro il maggior numero di batteri e funghi. I ricercatori brasiliani che avevano precedentemente riportato l’azione antidolorifica e antinfiammatoria di anamu nel 2002 hanno pubblicato un altro studio nel 2005 riportando che un estratto di radice di anamu aveva anche azioni antidolorifiche.

Altri ricercatori nelle Indie Occidentali hanno testato il dibenzil trisolfuro estratto dall’anamu in vitro nel sangue umano. Hanno riferito nel 2010 che questa sostanza chimica (a dosaggi molto più alti di quelli che si otterrebbero dall’uso di anamu ai dosaggi tradizionali), ha provocato un aumento dell’elasticità, del tempo di rilassamento e della deformazione degli eritrociti nel sangue. Tuttavia, studi di tossicità acuta e subcronica sono stati condotti su foglie di anamu da ricercatori in Costa Rica nel 2006. Non hanno riportato mortalità né è stato possibile osservare alcun segno di tossicità anche a dosaggi molto elevati.

Usi pratici attuali

Con le numerose proprietà e azioni documentate di questa pianta tropicale, non c’è da meravigliarsi che l’anamu abbia goduto di una così lunga storia di utilizzo nella medicina erboristica. La continua ricerca sugli attributi di questa pianta sta quantificando e qualificando la ricchezza delle tradizioni erboristiche indigene. Oggi, in Sud America, l’anamu viene utilizzato per le sue proprietà immunostimolanti e antitumorali come aiuto di supporto per i pazienti affetti da cancro e leucemia. Questo uso sta prendendo piede qui negli Stati Uniti e anamu è ora disponibile in capsule e compresse sotto diverse etichette. Viene anche impiegato in varie formule per le sue azioni antimicrobiche contro batteri, virus, lieviti e funghi, nonché in altre formule che supportano la funzione immunitaria.

Nel primo studio pubblicato sulla tossicità nel 1992, i ricercatori hanno notato che, ad alti dosaggi, l’estratto di anamu ritardava la proliferazione cellulare in vitro . Quando hanno testato l’estratto sui topi, hanno notato che causava un cambiamento nelle cellule del midollo osseo; tuttavia, usavano da 100 a 400 volte il dosaggio tradizionale somministrato agli umani. In due studi indipendenti pubblicati in seguito da altri ricercatori, dosi orali di estratti di foglie e radici non hanno causato alcuna tossicità nei ratti e nei topi fino a 5 grammi per chilogrammo di peso corporeo. Gli estratti di metanolo della pianta, tuttavia, hanno causato contrazioni uterine in uno studio iniziale; tali contrazioni possono portare all’aborto, uno degli usi ben documentati di anamu nella medicina erboristica tradizionale.

INDICAZIONI DI USO
Metodo principale di preparazione: capsule o infusione Azioni principali (in ordine):

  • anticancro, antivirale,
  • anticandidale,
  • antibatterica,
  • immunostimolante

Usi principali:

1. per cancro e leucemia

2. per i disturbi immunitari (per stimolare la funzione immunitaria e la produzione di cellule immunitarie)

3. per raffreddore, influenza e virus

4. per Candida e altre infezioni da lieviti

5. per le infezioni del tratto urinario

Proprietà/azioni documentate dalla ricerca: abortivo, analgesico (antidolorifico), antinfiammatorio, antileucemico, antibatterico, anticancro, anticandidale, antimicotico, antiprotozoico, antitumorale, antivirale, inibitore della COX (legato all’infiammazione), ipoglicemizzante, immunostimolante, stimolante uterino Altre proprietà/azioni documentate dall’uso tradizionale: ansiolitico, antiossidante, antireumatico, antispasmodico, diaforetico (favorisce la sudorazione), diuretico, febbrifugo (riduce la febbre), insetticida, stimolante mestruale, sedativo, vermifugo (espelle i vermi) Avvertenze: Ha effetti abortivi e ipoglicemizzanti.

segnale attenzione png 4 Transparent Images FreeControindicazioni:

  • Avvertenze: Ha effetti abortivi e ipoglicemizzanti.
  • Anamu è stato documentato per abbassare la pressione sanguigna in due studi sugli animali; pertanto, anamu è probabilmente controindicato per le persone con pressione sanguigna bassa. È stato documentato che un alcaloide in anamu, la tetrandrina, ha varie azioni sulla funzione cardiaca negli animali e nell’uomo. Quelli con una condizione cardiaca o che assumono farmaci per il cuore dovrebbero consultare il proprio medico prima di usare questa pianta.
  • Anamu ha dimostrato di essere un rilassante uterino e tradizionalmente impiegato come aiuto per il parto. Una donna incinta dovrebbe usarlo solo sotto la supervisione di un operatore sanitario qualificato.

Interazioni farmacologiche: Anamu può potenziare i farmaci per il cuore prescritti.

 

 

“SUGGERIMENTO”  DEL NATUROPATA… QUESTA PIANTA E’ CONTENUTA IN QUESTO PRODOTTO

Myco raintree erboristeriawebLO TROVI SU

new logo 2019 erboristeriaweb

 

Avviso su uso piante e testo riportato
Questo è solo un sito informativo e nessun prodotto viene venduto. Le dichiarazioni qui contenute non sono state valutate dalla Food and Drug Administration. Le informazioni contenute in questo file di database delle piante sono destinate esclusivamente a scopi educativi, di intrattenimento e informativi. Queste informazioni non sono destinate a essere utilizzate per diagnosticare, prescrivere o sostituire un’adeguata assistenza medica. La pianta qui descritta non è destinata a trattare, curare, diagnosticare, mitigare o prevenire alcuna malattia. Si prega di fare riferimento alle nostre Condizioni d’uso per l’utilizzo di questo file di database di piante e del sito web.

 

 

 


Ricerca pubblicata su Anamu

* https://rain-tree.com/anamu.htm

Tutte le ricerche di terze parti disponibili su anamu possono essere trovate su PubMed . Di seguito è riportato un elenco parziale della ricerca pubblicata su anamu aggiornata fino a gennaio 2019:

Azioni citotossiche e anticancro:
Hernandez, J., et al. “Un estratto secco citotossico di Petiveria alliacea induce la deplezione di ATP e diminuisce l’espressione di -F1 -ATPasi nelle cellule del cancro al seno e promuove la sopravvivenza nei topi portatori di tumore”. Rev. Bras. Farmacog. 2017 maggio-giugno; 27(3): 306-314.
Foster, K., et al. “La dipendenza dalla terapia con piante medicinali tra i malati di cancro in Giamaica. Cancer Causes Control. 2017 Nov; 28(11): 1349-1356.
Yagdi, E., et al. “I polisolfuri antitumorali che legano la tubulina inducono la morte cellulare tramite arresto mitotico e autofagico interferenza nel cancro del colon-retto. Cancro Lett . 2017 dicembre; 410: 139-157.
Hernandez, J., et al, ” Petiveria alliaceaLa frazione standardizzata induce la morte delle cellule di adenocarcinoma mammario modulando il metabolismo glicolitico. ” J. Ethnopharmacol. 2014 May; 153(3): 641-9.
Hernandez, M., et al. “[Valutazione dell’attività antiossidante e citotossica degli estratti etanolici delle foglie di Annona muricata L. (guanabana), Calotropis gigantea L. (algodon de seda) e Petiveria alliacea L. (anamú) nel comune di Sabanalarga (Atlántico)]”. (Tesi) 2014. Universidad del Atlántico, Programa de Farmacia. Atlántico- Colombia.
Lowe, H., “Specific RSK chinasi inhibition by dibenzil trisulfide e implicazioni per il trattamento terapeutico del cancro.” Anticancer Res. 2014 aprile; 34(4): 1637-41.
Muñoz, I. “[Valutazione dei contenuti metabolici nelle colture cellulari di Petiveria alliacea L. (anamú)].” (Tesi) 2011. Universidad Nacional de Colombia, Medellín -Colombia.
Williams, L., et al. “L’immunità della vita come normale funzione di distribuzione: filosofie per l’uso del dibenzil trisolfuro nel potenziamento dell’immunità e nell’estensione della vita” West Indian Med. J . ottobre 2010; 59(5): 455.
Cifuentes, M., et al. “Una frazione di Petiveria alliacea induce l’apoptosi attraverso una via mitocondriale-dipendente e regola l’espressione di HSP70”. Univ. Sci. 2009 maggio/agosto; 14(2-3): 125-134.
Williams, L., et al. “Implicazioni del dibenzil trisolfuro per il trattamento della malattia in base alla sua modalità d’azione”.Med dell’India occidentale. J. 2009 novembre; 58(5): 407-9.
Uruena, C., et al. ” Gli estratti di Petiveria alliacea utilizzano molteplici meccanismi per inibire la crescita delle cellule tumorali umane e di topo”. Complemento BMC. Alternativo. Med. 18 novembre 2008; 8: 60.
Williams, L., et al. “Una revisione critica del potenziale terapeutico del dibenzil trisolfuro isolato da Petiveria alliacea L (faraona, anamu).” Med dell’India occidentale. J. 2007 gennaio; 56(1): 17-21.
An, H., et al. “Sintesi e valutazione antitumorale di nuovi derivati ​​trisolfuri”. Bioorg. Med. chimica Lett. 2006 settembre; 16(18): 4826-9.
Ochoa A., et al. “[ Normazione preliminare dei parametri di qualità dell’estratto delle foglie di Petiveria alliacea L.].” Rev. Cuba. chimica 2006; 18 (3): 78-83.
Williams, L., et al. “Attività antiproliferativa/citotossica in vitro di sessanta prodotti naturali sulle cellule di neuroblastoma umano SH-SY5Y con specifico riferimento al dibenzil trisolfuro.” Med dell’India occidentale. J. 2004 settembre; 53(4): 208-19.
Ruffa, M., et al. “Effetto citotossico degli estratti di piante medicinali argentine sulla linea cellulare di carcinoma epatocellulare umano”. J. Etnofarmaco. 2002; 79(3): 335-39.
Mata-Greenwood, E., et al. “Scoperta di nuovi induttori della differenziazione cellulare utilizzando cellule promielocitiche HL-60.Antitumorale Res. 2001; 21(3B): 1763-70.
Rosner, H., et al. “Smontaggio dei microtubuli e inibizione della crescita dei neuriti, della proliferazione delle cellule del neuroblastoma e della defosforilazione della tirosina della chinasi MAP mediante dibenzil trisolfuro”. biochimica. Biofisica. Acta. 2001; 1540(2): 166-77.
Jovicevic, L., et al. “Attività antiproliferativa in vitro di Petiveria alliacea L. su diverse linee cellulari tumorali.” Farmaco. Ris. 1993; 27(1): 105-06.
Rossi, V., et al. “Effetti antiproliferativi di Petiveria alliacea su diverse linee cellulari tumorali”. Farmaco. Ris. suppl. 1990; 22(2): 434.
Yan, R., et al. “L’astilbina facilita selettivamente l’apoptosi delle cellule Jurkat attivate dalla fitoemoagglutinina dipendenti dall’interleuchina-2”. Farmaco. Ris. 2001; 44(2): 135-39.
Weber, U., et al. “Attività antitumorali di cumarina, 7-idrossi-cumarina e il suo glucuronide in diverse linee cellulari tumorali umane”. Ris. Comune Mol. Pathol. Farmaco. 1998; 99(2): 193-206.
Bassi, A., et al. “Valutazione comparativa della citotossicità e del metabolismo di quattro aldeidi in due linee cellulari di epatoma”. Chimica dei farmaci. tossico. 1997 agosto; 20(3): 173-87.
Estevez, A., et al. “[Effetto antitumorale di un decotto di foglie di Petiveria alliacea negli animali].” Rev. Cuba Farmacol. 1976; 10: 81-4.

Azioni contro la falciatura
Ameh, S., et al. “Gestione erboristica tradizionale dell’anemia falciforme: lezioni dalla Nigeria”. Anemia . 2012; 2012: 607436. Azioni

immunostimolanti e antiossidanti:
Ayodele, A., et al. “Analisi fitochimiche e attività antiossidante di foglie essiccate e fresche di Petivera alliacea e Ocimum gratissimum. “Int. J. Sci. Applicazione di base. Ris. 2015; 24 (3): 1-13.
Hernandez, M., et al. “[Valutazione dell’attività antiossidante e citotossica degli estratti etanolici delle foglie di Annona muricata L. (guanabana), Calotropis gigantea L. (algodon de seda) e Petiveria alliaceaL. (anamú) nel comune di Sabanalarga (Atlántico)] ”. (Tesi) 2014. Università dell’Atlantico, Programma Farmacia. Atlantico-Colombia.
Santander, S., et al. “Effetti immunomodulatori delle frazioni acquose e organiche di Petiveria alliacea sulle cellule dendritiche umane”. Sono J Chin Med. 2012; 40 (4): 833-44
Williams, L. “Immunità della vita come funzione di distribuzione normale: filosofie per l’uso del dibenzil trisolfuro nel potenziamento dell’immunità e nell’estensione della vita”. Med dell’India occidentale J. 2010 ottobre; 59(5): 455.
Santander, S., et al. “[Influenza del trattamento della Petiveria alliacea nell’espressione differenziale dei geni nelle cellule tumorali]”. Univ. Med. Bogotà(Colombia). 2009 luglio-settembre; 50 (3): 284-296.
Okada, Y., et al. “Attività antiossidante del nuovo derivato tiosolfato, S-benzil fenilmetantiosolfato, da Petiveria alliacea L.” Org. Biomol. chimica . 21 marzo 2008; 6(6): 1097-102.
Lemus, Z., et al. “[La compressa di anamú: una medicina erboristica immunostimolante].” Medisano . 2004; 8 (3): 57-64.
Queiroz, M., et al. “Profilo di citochine e l’attività delle cellule natural killer in Listeria monocytogenes topi infettati trattati per via orale con Petiveria alliacea estratto. Immunopharmacol Immunotoxicol.. 2000 Agosto; 22 (3):. 501-18
. Quadros, M., et al” alliacea PetiveriaL. estratto protegge i topi contro l’infezione da Listeria monocytogenes – effetti sulle cellule progenitrici del midollo osseo.” Immunopharmacol. Immunotoxicol. 1999 Feb; 21 (1): 109-24.
Williams, L., et al. “Attività immunomodulatorie di Petiveria alliaceae L .” Phytother. Res. 1997; 11(3): 251253.
Desmarchelier, C., et al. “Potenziale reattivo antiossidante totale (TRAP) e reattività antiossidante totale (TAR) di piante medicinali utilizzate nell’Amazzonia sudoccidentale (Bolivia e Perù) .” Int. J. Pharmacognosy. 1997; 35(4): 288-296.
Rossi, V., “Effects of Petiveria alliacea L. on cell immunity.” Pharmacol. Res. 1993; 27(1): 111-12 .
Marini, S., “Effetti diPetiveria alliacea L. sulla produzione di citochine e sull’attività delle cellule natural killer.” Pharmacol. Res. 1993; 27(1): 107-08. Azioni

antinfiammatorie e antidolorifiche:
Rosa, M., et al. ” La Petiveria alliacea sopprime infiammazione delle vie aeree e risposte Th2 allergene-specifiche nel modello murino di asma sensibilizzato all’ovoalbumina.” Chin. J. Integr. Med. 2018 dicembre; 24 (12): 912-919.
Gutierrez, R., et al. “Anti-infiammatorio potenziale di Petiveria alliacea su macrofagi murini raw264.7 attivati.” Pharmacogn Mag. 2017 Jul; 13(Suppl 2): ​​S174-S178.
Laslett, L., et al. “Efficacy and safety of plant-derived products for the treatment of artrosi».Botanica: obiettivi e terapia 2015 dic; 5: 1-20
Zaa C., et al. “[Effetto antinfiammatorio e antiossidante dell’estratto idroalcolico di Petiveria alliacea ].” Rev. Peru Biol. 2012; 19 (3): 329-334.
de Morais Lima, G., et al. “Database survey of anti-infiammatorie piante in Sud America: una revisione” Int. J. Mol. Sci. 2011 ; 12 (4): 2692-2749.
Gomes, P., et al. “Studio dell’effetto antinocicettivo di frazioni isolate da Petiveria alliacea L. (tipi) nei topi.” Biol. Pharm. Bull. 2005; 28 (1) : 42-6.
Lopes-Martins, R., et al. “Gli effetti antinfiammatori e analgesici di un estratto grezzo di Petiveria alliaceaL. (Phytolaccaceae).” Phytomedicine . 2002; 9(3): 245-48.
Dunstan, C., et al. “Valutazione di alcune piante medicinali samoane e peruviane mediante biosintesi delle prostaglandine e saggi di edema dell’orecchio di ratto.” J. Ethnopharmacol . 1997 giugno; 57 (1): 35-56.
Germano, D., et al “test farmacologico del. Petiveria Alliaceae . Attività antinfiammatoria orale e gastrotossicità di un estratto idroalcolico di radice.” Fitoterapia . 1993; 64(5): 459-467
Germano, D., et al. “Attività antinfiammatoria topica e tossicità di Petiveria alliaceae. ” Fitoterapia . 1993; 64(5): 459-67.
de Lima, T., et al. “Valutazione dell’effetto antinocicettivo diPetiveria alliacea (Guine) negli animali.” Mem. Inst. Oswaldo Cruz. 1991; 86 Suppl 2: 153-58.
Di Stasi, L., et al. “Screening nei topi di alcune piante medicinali utilizzate per scopi analgesici nello stato of Saõ Paulo.” J. Ethnopharmacol. 1988; 24(2/3): 205-11.

Azioni di guarigione delle ferite:
Schmidt, C., et al. “Studi biologici su piante brasiliane utilizzate nella guarigione delle ferite.” J. Ethnopharmacol . 21 aprile 2009; 122 (3): 523-32. Azioni

antimicrobiche e antiparassitarie:
Flota-Burgos, G., et al. “Attività antielmintica di estratti di metanolo di Diospyros anisandra e Petiveria alliacea su Cyathostomin(Nematoda: Cyathostominae) sviluppo larvale e schiusa delle uova” Vet Parasitol. 2017 Dec; 248: 74-79.
Zavala Ocampo, L., et al. “Attività antiamoebica delle foglie di Petiveria alliacea e del loro componente principale, isoarborinol.” J. Micriol . Biotechnol. 2017 Aug; 27(8): 1401-1408.
Arceo-Medina, G., et al. “Azione sinergica di acidi grassi, solfuri e stilbene contro le zecche Rhipicephalus microplus resistenti agli acaricidi . Veterinario. Parassitolo. 2016 settembre; 228: 121-125.
Kasper, S., et al. “L’inibizione chimica della quinureninasi riduce la rilevazione del quorum di Pseudomonas aeruginosa e l’espressione del fattore di virulenza. ACS Chem. Biol.2016 aprile; 11 (4): 1106-17.
Lowe, H., et al.” Inibizione dell’epatite C umana virus dal dibenzil trisolfuro di Petiveria alliacea L (Guinea Hen Weed). “Fr. Microbio. Ris. J. 2016; 12 (1): 1-6.
Lowe, H., et al “Petiveria alliacea L (erba faraone) e il suo principale metabolita dibenzil trisolfuro dimostrano attività inibitoria della trascrittasi inversa dell’HIV-1.” Euro. J. Med. Plants 2015; 5 (1): 88-94.
Kerdudo, A., et al. “Composizione di olio essenziale e biologico attività di Petiveria alliacea L. della Martinica.” J. Essential Oil Res. Febbraio 2015; 27:
Illnait-Zaragozí1, M., et al. ” In vitroattività antimicotica dell’estratto idroalcolico grezzo di Petiveria alliacea L su isolati clinici di Candida .” Clin. Microbial. 2014 Jul; 3(4)
Kasper, S., et al. “S-aril-L-cisteina solfossidi e relativi composti organosolforati alterare lo sviluppo del biofilm orale e la comunicazione cellula-cellula basata su AI-2.” J. Appl. Microbiol. 2014 Nov; 117(5): 1472-86.
Romero, O. “[Contributo alla standardizzazione del processo per ottenere un estratto di foglie di Petiveria alliacea L. (Anamú) su scala di laboratorio]”. (Tesi) 2014. Universidad Nacional de Colombia Facultadde Ciencias, Departamento de Farmacia. Bogotá, Colombia.
Garrido, B., et al. “[Caratteristiche farmacognostiche per il controllo di qualità di Petiveria alliacea, Lippia graveolens e Tagetes lucida]”. Domenica. 2013; 29 (2): 25-39.
Ochoa, A., et al. “Caratterizzazione fisica, fisico-chimica e chimica di estratti totali di foglie fresche di Petiveria alliacea L. ad azione antimicrobica.” rev. Mex. Cento. Azienda agricola. 2013; 44 (1): 52-59.
Pacheco, A., et al. “Attività antimicrobica in vitro di estratti totali delle foglie di Petiveria alliacea L. (Anamu).” Braz. J. Pharm. Sci. 2013 aprile/giugno; 49 (2): 241-250.
Neves, A., et al. “Attività acaricida e composizione dell’olio essenziale di Petiveria alliaceaL. Da Pernambuco (nord-est del Brasile).” J. Olio Essenziale Ris. 2011; 1 (1).
Mulyani, Y., et al. “ Petiveria alliacea : Nuova alternativa per il trattamento del Mycobacterium tuberculosis sensibile e multiresistente .” J. Pharmacog. Phytother. 2012 dicembre; 4 (7): 91-95.
Illnait, M., et al. “[Effetto antimicotico di un estratto di Petiveria alliacea L].” Rev. CENIC Sci. Bio. . 2010; 41 (1): 79-82.
Guedes, R., et al. “[Attività antimicrobica di estratti di Petiveria alliacea (guinea) contro ceppi standard di funghi].” Lat. Am. J. Pharm. 2009; 28(4): 520-4.
Guedes, R., et al. “[Attività antimicrobica degli estratti grezzi di Petiveria alliacea L.].” lat. Am. J. Pharm. 2009; 28(4): 520-4.
Ilnait, M., et al. “Valutazione dell’effetto antimicotico di Petiveria alliacea L.” Presentazioni di manifesti. Micosi 2009; 52 (S1): 29-123.
Marin, J., et al. “[Studio tecnologico dell’estratto delle foglie della Petiveria alliacea L].” Rev. CENIC Sci. chimica 2008; 39 (3): 141-145.
Ochoa, A., et al. “[Studio della stabilità chimica fisica e qualitativa dell’estratto ottimizzato delle foglie di Petiveria alliaceaca L.].” Rev. Cuba. chimica 2008; 20 (1): 3-8.
Mujawimana, R., et al. “[Valutazione antimicrobica degli estratti totali delle foglie di Petiveria alliacea L. (anamú)].” [Tesi] Universidad de Oriente, Santiago de Cuba, 2008: 1-45.
Ferrer, J., et al. “Principali riferimenti etnomedici di anamú ( Petiveria alliacea Linn) e principi attivi presenti nella pianta.” Rev. Sci. Biologico. 2007; 38(1)
Kim, S., et al. “Attività antibatterica e antimicotica di composti contenenti zolfo da Petiveria alliacea L.” J. Etnofarmaco. 2006 marzo; 104 (1-2): 188-92.
Mushah, R., et al. “Attività antibatterica e antimicotica di composti contenenti zolfo da Petiveria alliacea L.” Fosp. Zolfo. Sil.2005; 180: 1455-1456.
Kubec, R., et al. “Il principio lacrimogeno della Petiveria alliacea “. Fitochimica . maggio 2003; 63(1): 37-40.
Martinez Pilar, M., et al. “[Studio farmacognostico, fitochimico e microbiologico di Petiveria alliaceae Lin 1998].” Gaceta Médica Espirituana 2003; 5 (1).
Ruffa, M., et al. “Attività antivirale di Petiveria alliacea contro il virus della diarrea bovina”. Chemioterapia. 2002; 48(3): 144-47.
Pérez, D. “[Etnobotanica medica e biocidi per la malaria nella regione di Ucayali].” FoliaAmazónica. 2002; 13 (1-2): 87-108.
Benevides, P., et al. “Polisolfuri antifungini da Petiveria alliacea L.” Fitochimica . 2001; 57(5): 743-7.
Echeverria, A., et al. “[Effetto di un estratto di Petiveria alliacea Linn sulla crescita di Giardia lamblia in vitro ].” Rev. Cuba Med. Mil. 2001; 303: 161-5.
Caceres, A., et al. “Piante utilizzate in Guatemala per il trattamento delle infezioni da protozoi. I. Screening dell’attività su batteri, funghi e tripanosomi americani di 13 piante autoctone”. J. Etnofarmaco . 1998 ottobre; 62(3): 195-202.
Berger, I., et al. “Piante utilizzate in Guatemala per il trattamento delle infezioni da protozoi: II. Attività di estratti e frazioni di cinque piante guatemalteche contro Trypanosoma cruzi .” J. Etnofarmaco. 1998 settembre; 62(2): 107-15.
Melis R., et al. “[Caratterizzazione farmacologica e tossicologica della Petiveria alliacea (anamú) e valutazione dell’attività antimicrobica].” Rev. Cuba. Azienda agricola. 1994; 28 (1): 55-9.
Hoyos, L., et al. “Valutazione degli effetti genotossici di una medicina popolare, Petiveria alliaceae (Anamu).” mutato. Ris. 1992; 280(1): 29-34.
Caceres, A., et al. “Piante utilizzate in Guatemala per il trattamento delle infezioni dermatofitiche. I. Screening per l’attività antimicotica di 44 estratti vegetali”. J. Etnofarmaco. 1991; 31(3): 263-76.
Misa, C., et al. “La valutazione biologica delle piante cubane. III.” Rev. Cucciolo. Med. Troppo. 1979; 31(1): 21-27.
Von Szczepanski, C., et al. “Isolamento, delucidazione della struttura e sintesi di una sostanza antimicrobica da Petiveria alliacea .” Arzneim-Forsch. 1972; 22: 1975-.
Feng, P., et al. “Ulteriore screening farmacologico di alcune piante medicinali dell’India occidentale”. J. Pharm. Farmaco. 1964; 16: 115.

Azioni sedative, antidepressive e anticonvulsivanti:
de Andrade, T., et al. “Potenziali effetti comportamentali e pro-ossidanti dell’estratto di Petiveria alliacea L. nei ratti adulti”. J. Etnofarmaco. 2012 settembre; 143(2): 604-10.
Gomes, F., et al. “Effetti centrali di frazioni isolate dalla radice di Petiveria alliacea L. (tipi) nei topi”. J. Etnofarmaco. 20 novembre 2008; 120(2): 209-14.
Morales Cifuentes, C. et al. Profilo neurofarmacologico delle piante etnomedicinali del Guatemala. J. Etnofarmaco . 2001; 76: 223.

Azioni ansiogeniche (riduce l’ansia):
Luz, D., et al. “Etnobotanica, fitochimica e effetti neurofarmacologici di Petiveria alliacea L. (Phytolaccaceae): una revisione.”J. Ethnopharmacol. 2016 Jun; 185: 182-201.
de Andrade, T., et al. “Potenziali effetti comportamentali e pro-ossidanti dell’estratto di Petiveria alliacea L. nei ratti adulti.” J. Ethnopharmacol. 2012 Sep; 143 (2): 604-10.
Blainski, A., et al. “Doppio effetto di estratti grezzi ottenuti da Petiveria alliacea L. (Phytolaccaceae) sull’ansia sperimentale nei topi.” J. Ethnopharmacol. 2010 marzo; 128 (2): 541-4.
Azioni potenziate di memoria e apprendimento:
Silva M., et al. ” La Petiveria alliacea esercita effetti mnemonici e di apprendimento sui ratti. J. Etnofarmaco . 2015 luglio; 169: 124-9.
Luz, D., et al. “Etnobotanica, fitochimica e effetti neurofarmacologici di Petiveria alliacea L. (Phytolaccaceae): una revisione. ” J. Ethnopharmacol. 2016 giugno; 185: 182-201.

Azioni antiasmatiche:
Rosa, M., et al. “La Petiveria alliacea sopprime l’infiammazione delle vie aeree e le risposte Th2 allergene-specifiche nel modello murino di asma sensibilizzato all’ovoalbumina”. Mento. J. Integrale Med. 2018 dicembre; 24(12): 912-919.

Azioni antidiabetiche e ipoglicemizzanti:
Christie, S., et al. “Valutazione dell’attività ipoglicemizzante degli estratti di Petiveria alliacea (faraona) in modelli di ratto normoglicemico e diabetico”. Med dell’India occidentale. J. 2013 novembre; 62(8):
Lans, C. “Etnomedicina utilizzata a Trinidad e Tobago per problemi urinari e diabete mellito”. J. Etnobiolo. Etnomedicina. 13 ottobre 2006; 2: 45.
Garcia-Gonzalez, M., et al. “Tossicità preclinica subcronica e acuta e alcuni effetti farmacologici dell’estratto di acqua dalle foglie di Petiveria alliacea (Phytolaccaceae).” Rev. Biol. Troppo. 2006 dicembre; 54(4): 1323-6.
Dominguez, D., et al. “[Effetto dell’estratto ipoglicemizzante di Petiveria alliacea L sul consumo di glucosio da parte degli eritrociti].” Rev. Cubana Invest. Biomed. 2002 luglio-settembre; 21(3): 161-6.
Rojo, D., et al. “[Effetto di un estratto ipoglicemizzante di Petiveria alliaceaL. sul legame dell’insulina all’eritrocita].” Rev. CENIC Sci. Bio. 2000; 31: 3.
Lores, R., et al. ” Petiveria alliaceae L. (anamu). Studio dell’effetto ipoglicemizzante.” Med. Interne. 1990; 28(4): 347-52.

Azioni insetticide:
Olaitan, A., et al. “Tossicità comparativa di insetticidi botanici e sintetici contro i principali insetti nocivi di campo del fagiolo dall’occhio ( Vigna unquiculata ( L) Walp).” J. Nat. Prod. Plant Resour. 2011; 1(3): 86-95.
Rosado-Aguilar, J., et al. “Attività acaricida di estratti di Petiveria alliacea (Phytolaccaceae) contro la zecca del bestiame, Rhipicephalus(Boophilus) microplus (Acari: ixodidae).” Vet. Parasitol. 2010 Mar; 168 (3-4): 299-303.
Johnson, L., et al. “Un metabolita polisolfuro insetticida e acaricida dalle radici di Petiveria alliacea .” Pest Manage. Sci. 1997 Jul; 50(3): 228-232.
García-Mateos, M., et al. “Toxicity of Petiveria alliacea L. on serra whitefly ( Trialeurodes vaporariorum west.)” Interciencia . 2007; 32(2): 121-124.
Adebayo, O., et al. “Controllo degli insetti nocivi del fagiolo dall’occhio nel campo con allelochemi di Tephrosia vogelii e Petiveria alliacea nella savana della Guinea meridionale della Nigeria.”Giornale agricolo . 2007; 2(3): 365-369.

Azioni non tossiche:
Garcia-Perez, M., “Valutazione tossicologica di una sospensione acquosa da foglie e steli di Petiveria alliacea L. (Phytolaccaceae).” J. Etnofarmaco. 2018 gennaio; 211: 29-37.
Wanderley-Teixeira, M., et al. “Analisi dello sviluppo fetale e placentare nei ratti dopo somministrazione di estratto idroalcolico dalla radice di Petiveria alliacea L. (Phytolaccaceae). Int. J. Morphol. 2010; 28 (1): 165-169.
Garcia-Gonzalez, M., et al. “Tossicità preclinica subcronica e acuta e alcuni effetti farmacologici dell’estratto acquoso di foglie di Petiveria alliacea (Phytolaccaceae).”Rev. Biol. Troppo. 2006 dicembre; 54(4): 1323-6.
Peters, V., et al. “[Effetto biologico degli estratti delle foglie di Petiveria alliacea sulla gestazione nei ratti].” Bol. Cent. Biol. Riprod. 1988; 7: 31-8.

Possibili interazioni farmacologiche:
Murray, J., et al. “Significativo impatto inibitorio del dibenzil trisolfuro e degli estratti di Petiveria alliacea sulle attività dei principali enzimi che metabolizzano i farmaci in vitro : una valutazione del potenziale di interazioni tra piante medicinali e farmaci”. Fitoterapia . 2016 giugno; 111: 138-46.

Costituenti chimici identificati:
Musah, R., et al. “Scoperta e caratterizzazione di un nuovo fattore lacrimogeno sintasi in Petiveria alliacea e la sua influenza sulla formazione mediata dall’alliinasi di composti organosulfur biologicamente attivi.” Plant Physiol. 2009 Nov; 151(3): 1294-303.
Musah, R., et al. “Studies of a novel cysteine ​​sulfoxide liasi from Petiveria alliacea : la prima alliinasi eteromerica. Fisio vegetale. novembre 2009; 151(3): 1304-16.

 

 

Fai conoscere il Blog!

Lascia un commento